E’ conversione

Il nostro cammino, il nostro fine è il cambiamento di vita. Ma perché devo cambiare la mia vita, potreste dirmi, io sto bene così, oppure voglio cambiare la vita ma come dico io.
Senza un cambiamento continuo in Cristo non c’è pace né serenità che è quello a cui tutti aspirano credenti e non credenti.
Tutto concorre alla nostra conversione, al nostro cambiamento, alla nostra liberazione ed alla nostra guarigione, alla vita nuova nella città santa: la nuova Gerusalemme.
Nella Bibbia troviamo
At. 10,34 Pietro allora prese la parola e disse: «In verità sto rendendomi conto che Dio non fa preferenza di persone, ma accoglie chi lo teme e pratica la giustizia, a qualunque nazione appartenga.
Questo ci indica la strada che dobbiamo percorrere, iniziamo a cercare, a desiderare la nostra conversione e saremo in grado di testimoniare i nostri cambiamenti, è la testimonianza di come viviamo che annuncia il perché seguire Cristo, anche le parole annunciano ma principalmente annunciano i nostri atteggiamenti: “Vi riconosceranno da come vi amerete” una canzone diceva: vi seguiranno non li deludete:
Capite che tutto questo richiede un cambio di mentalità, un impegno personale e comunitario.  Per il Papa “le resistenze nascoste” sono le più pericolose perché non si vedono. “Ognuno di noi ha il proprio stile di resistenza nascosta alla grazia”. Bisogna però individuarlo “e metterlo davanti al Signore, affinché lui ci purifichi”. E’ la resistenza di cui Stefano accusava i Dottori della Legge che volevano apparire come se stessero cercando la gloria di Dio, mentre cercavano la loro gloria. “Queste resistenze nascoste, che tutti abbiamo, di che natura sono? Servono a fermare un processo di conversione. Sempre! Fermare, non lottare contro. Resistere passivamente, nascostamente.  Quando c’è un cambiamento in una istituzione, in una famiglia, si sento dire: ‘Ma, ci sono resistenze lì’… Ma grazie a Dio! Se non ci fossero, la cosa non sarebbe di Dio. Quando ci sono queste resistenze è il diavolo che le semina lì, perché il Signore non vada avanti”