«Il regno di Dio è in mezzo a voi»

Giovedì XXXII Settimana del Tempo Ordinario
Dal Vangelo secondo Luca (Lc 17,20-25)
In quel tempo, i farisei domandarono a Gesù: «Quando verrà il regno di Dio?». Egli rispose loro: «Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione, e nessuno dirà: “Eccolo qui”, oppure: “Eccolo là”. Perché, ecco, il regno di Dio è in mezzo a voi!».
Disse poi ai discepoli: «Verranno giorni in cui desidererete vedere anche uno solo dei giorni del Figlio dell’uomo, ma non lo vedrete. Vi diranno: “Eccolo là”, oppure: “Eccolo qui”; non andateci, non seguiteli. Perché come la folgore, guizzando, brilla da un capo all’altro del cielo, così sarà il Figlio dell’uomo nel suo giorno. Ma prima è necessario che egli soffra molto e venga rifiutato da questa generazione».
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
Gesù è stato chiaro. E chi, avendolo sentito parlare del futuro e di quello che accadrà, legato soprattutto all’avvento del regno, non deve aver paura e nemmeno deve lasciarsi andare a supposizioni e congetture personali, forse anche cercando e ascoltando profeti improvvisati e i ciarlatani più agguerriti, annunciatori di catastrofi, di guerre, terremoti e quanto più riesce ad intimorire indicando anche giorni e luoghi ben precisi.
Verso costoro – e ce ne sono stati in ogni tempo e non mancano oggi – Gesù è molto chiaro – semplicemente invita a non cercarli e non seguirli. Anche quanto alla venuta del regno è rassicurante perché verrà nella semplicità e – sono parole sue – senza attirare l’attenzione di nessuno. La miglior cosa è stare sempre pronti con la mente ed il cuore aperti per accoglierlo.