«Tutto quello che il Padre possiede, è mio; lo Spirito prenderà del mio e ve lo annuncerà».

XI Domenica del Tempo Ordinario SS Trinità
Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 16,12-15)
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso.
Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future.
Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
Lo Spirito Santo, Persona-Amore che unisce il Padre e il Figlio, è lo Spirito di verità e quindi della pienezza dell’amore.
Lo Spirito Santo, che procede dal Padre, verrà ad abitare nei discepoli, ma anche Gesù e il Padre verranno ad abitare nei fedeli. Siamo nell’abitazione della Trinità in noi.
«Lo Spirito vi insegnerà ogni cosa e vi farà ricordare». E’ opera dello Spirito Santo dare alla Chiesa la comprensione perfetta di tutto quanto Gesù ha detto e fatto.
«Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà». Questo è il lavoro dello Spirito Santo; è la vita intima di Dio! Ne abbiamo qualche piccola luce, che completeremo nell’eternità.
da questa terra può avvenire la rivelazione di Dio nei nostri cuori. Ma noi abbiamo paura di stare con Dio e siamo distrutti e disperati! Ci ha fatti Dio e ci ha fatti per lui.