«Gesù guarisce due ciechi che credono in lui».

Venerdì I Settimana di Avvento
Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 9,27-31)
In quel tempo, mentre Gesù si allontanava, due ciechi lo seguirono gridando: «Figlio di Davide, abbi pietà di noi!». Entrato in casa, i ciechi gli si avvicinarono e Gesù disse loro: «Credete che io  possa fare questo?». Gli risposero: «Sì, o Signore!».
Allora toccò loro gli occhi e disse: «Avvenga per voi secondo la vostra fede». E si aprirono loro gli occhi.
Quindi Gesù li ammonì dicendo: «Badate che nessuno lo sappia!». Ma essi, appena usciti, ne diffusero la notizia in tutta quella regione.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
«Figlio di Davide, abbi pietà di noi!». Vuol dire questo: «Orienta il mio cuore a te. Cioè prendi il mio cuore che sfugge a te, mio Dio, accoglilo e riempilo i te!».
Tutto il temo che metto nella preghiera non è altro che immergermi nella luce di Dio.
Riempiendo il mio essere in lui, con lui e per lui vedrò tutta la realtà e la rispetterò, la vivrò secondo il criterio di Dio, quindi la vivrò realmente del tutto.
Chiedete al Signore: «Signore, fa che io ti veda, fa che tu sia la mia sapienza! Signore, fa che io abbandoni la vanità delle cose per vivere la pienezza che tu mi dai, che è una pienezza di amore, verità, di giustizia, di pace!»