«Il granello crebbe e divenne un albero».

Martedì XXX Settimana del Tempo Ordinario
Dal Vangelo secondo Luca (Lc 13,18-21)
In quel tempo, diceva Gesù: «A che cosa è simile il regno di Dio, e a che cosa lo posso paragonare? È simile a un granello di senape, che un uomo prese e gettò nel suo giardino; crebbe, divenne un albero e gli uccelli del cielo vennero a fare il nido fra i suoi rami».
E disse ancora: «A che cosa posso paragonare il regno di Dio? È simile al lievito, che una donna prese e mescolò in tre misure di farina, finché non fu tutta lievitata».
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
La Parola di oggi, contiene due brevi parabole sul regno di Dio: il granellino di sènapa e il lievito nella massa di farina. La prima ne sottolinea la crescita in estensione, la seconda ne mostra la profondità. Ciò che importa è l’arbusto pieno di rami, dove si annidano gli uccelli e l’impasto fermentato. Le due immagini riferite al Regno, si fondono insieme: indicano l’aspetto universale del Regno, aperto a tutti gli uomini. «Dio non fa preferenza di persone», tutti sono accetti. L’intenzione di Gesù è chiara. Siamo alla sua scuola. Siamo suoi discepoli. Egli vuole farci comprendere la sua presenza in noi, il suo vivere in noi. «Il mio regno è in mezzo a voi».
Nella fede infatti abbiamo accolto quel seme e quel lievito – la Parola – non nella pienezza, ma nella crescita. Nella pazienza poi e nella fedeltà quotidiana lo faremo crescere in noi e attorno a noi, fino alla pienezza «della misura che conviene alla piena maturità di Cristo in noi». Ecco perché queste due parabole ci mettono di fronte a un grande problema personale.
E’ vero che il granellino di senapa sta crescendo in noi? E’ vero che quel poco di lievito sta fermentando sempre di più la nostra vita? Dio continua a operare cose grandi attraverso il nostro piccolo. Continua a rivelare il suo mistero infinito attraverso il nostro a volte incerto quotidiano.
Chiediamo aiuto a Maria nostra Madre, attraverso la Comunità LNG e la preghiera ci faccia comprendere sempre più il mistero di Dio in ciascuno di noi e possa essere uno sprono nel far fruttificare sempre più in noi i doni divini.