«Rabbunì, che io veda di nuovo!»

XXX domenica del Tempo Ordinario
Dal Vangelo secondo Marco (Mc 10,46-52)
In quel tempo, mentre Gesù partiva da Gèrico insieme ai suoi discepoli e a molta folla, il figlio di Timèo, Bartimèo, che era cieco, sedeva lungo la strada a mendicare. Sentendo che era Gesù Nazareno, cominciò a gridare e a dire: «Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!».
Molti lo rimproveravano perché tacesse, ma egli gridava ancora più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!».
Gesù si fermò e disse: «Chiamatelo!». Chiamarono il cieco, dicendogli: «Coraggio! Àlzati, ti chiama!». Egli, gettato via il suo mantello, balzò in piedi e venne da Gesù.
Allora Gesù gli disse: «Che cosa vuoi che io faccia per te?». E il cieco gli rispose: «Rabbunì, che io veda di nuovo!». E Gesù gli disse: «Va’, la tua fede ti ha salvato». E subito vide di nuovo e lo seguiva lungo la strada.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
In quel cieco, Bartimèo, che grida lungo la strada, è raffigurato ognuno di noi, il nostro percorso verso Gesù. Bartimèo è cieco, non può vedere Gesù. Ma anche gli apostoli, che stanno con Gesù da molto tempo, sembra che proprio anche loro non ci vedano. Non sono loro che poco prima si sono arrabbiati per una questione di posti?
Bartimèo era cieco, la sua condizione lo obbligava a stare seduto e vivere ai margini: «Sedeva lungo la strada». Il passaggio di Gesù dà brio e vitalità a quest’uomo, che si mette a gridare, implorando Gesù di prendersi cura di lui. «Figlio di David, Gesù, abbi pietà di me».
Il nostro grido di salvezza, come quello di Bartimèo, può incontrare delle barriere. Meglio zittire quel cieco e garantirsi una pubblica tranquillità. Ci provano in molti modi a farlo tacere. Ma nulla da fare, il cieco grida più forte, perché sa che, se quest’occasione unica di vita passerà oltre, per lui non ci sarà più speranza. «Allora Gesù si fermò e lo fece chiamare». Il cieco in un attimo «balza in piedi, getta via il mantello e corre da Gesù». E Gesù gli dice: «Che voi che io ti faccia?» Alla supplica del cieco corrisponde la guarigione, perché Gesù gli ha riconosciuto la fede. «Va’, la tua fede ti ha salvato».
Tra le tante strade che il cieco potrebbe percorrere, ne sceglie una: seguire Gesù. Ci troviamo di nuovo sulla strada, sulla quale era seduto Bartimèo, cieco, ora da vedente, la percorre insieme a Gesù verso Gerusalemme, luogo della sua morte e della sua risurrezione. E’ la strada di Bartimèo e di ogni cristiano, l’unica percorribile, perché è la strada sulla quale è passato Gesù. Sforziamoci sempre di seguirlo.