«Beato il grembo che ti ha portato! Beati piuttosto coloro che ascoltano la parola di Dio».

Sabato XXVII Settimana del Tempo Ordinario
Dal Vangelo secondo Luca (Lc 11,27-28)
In quel tempo, mentre Gesù parlava, una donna dalla folla alzò la voce e gli disse: «Beato il grembo che ti ha portato e il seno che ti ha allattato!».
Ma egli disse: «Beati piuttosto coloro che ascoltano la parola di Dio e la osservano!».
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
Maria, madre di Gesù, è grande non perché ha dato vita del corpo di lui, ma è beata perché ha compiuto in pienezza la volontà di Dio e ha osservato la sua parola. Questo rende grande la persona: l’essere immersa in Dio!
Più ascoltate il Signore, più nutrite l’ultima unione con lui! Sentite il bisogno di avere momenti di intimità con Dio che vi portano a questa unità profonda con il Signore?
Provate in questa settimana ovunque vi troviate, a dare cinque minuti al Signore nell’ascolto della sua Parola che diventa luce mentre la leggi. Mentre lui parla tutta la tua vita è presa da lui, lasci scendere dentro di te la sua parola. Questo ascolto di Gesù deve essere poi portato in tutta la vita attiva.
Perché sia possibile l’ascolto, cosa ci vuole? Bisogna che io ami chi mi parla, altrimenti lui potrà anche urlare ma se non amo, io non ascolto. Noi conosciamo solo coloro che amiamo, questa è la condizione dell’ascolto. Dio non ti può prendere dal di dentro se tu non lo ami!.