«Sono venuto a portare non pace, ma spada».

Lunedì XV Settimana del Tempo Ordinario

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 10,34-11,1)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli:
Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; sono venuto a portare non pace, ma spada. Sono infatti venuto a separare l’uomo da suo padre e la figlia da sua madre e la nuora da sua suocera; e nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa.
Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me; chi non prende la propria croce e non mi segue, non è degno di me. Chi avrà tenuto per sé la propria vita, la perderà, e chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà.
Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato. Chi accoglie un profeta perché è un profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto perché è un giusto, avrà la ricompensa del giusto.
Chi avrà dato da bere anche un solo bicchiere d’acqua fresca a uno di questi piccoli perché è un discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa».
Quando Gesù ebbe terminato di dare queste istruzioni ai suoi dodici discepoli, partì di là per insegnare e predicare nelle loro città.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Pensa a tutte le persone che conosci: pensa a chi fai festa quando incontri e a chi no. La festa che fai nell’accogliere è proporzionata alla presenza affettiva dell’altro in te. Oppure pensa se ti capita di vedere qualcuno e di domandarti perché mai sei passato proprio di lì, mentre se passavi dall’altra parte non lo avresti visto.
Cristo Gesù si è reso presente in ognuno di noi. Se hai lo sguardo acuto, profondo, senti che l’altro è amato da Gesù, da quel Gesù che tu ami, allora è una festa senza fine e senti che vincerai il male  che è negli altri facendo festa al bene che è in loro. Non si risponde  col male al male: tu vincerai il male  che è nell’altro accorgendoti del bene che c’è in lui. Allora egli sentirà che è nel tuo cuore e non avrà più bisogno di comportarsi male.
Preparati sempre all’incontro con i tuoi fratelli. Fate così: dopo aver accolto il Signore in voi, quando andate in un incontro di preghiera o in una qualsiasi riunione, coloro ai quali andate devono  già essere dentro  di voi amandoli prima ancora di incontrarli. Allora l’incontro è un paradiso! Dopo essere andato via dalla riunione chiediti a chi hai voluto bene. Chiediti se hai voluto bene solo a te stesso. Il problema è qui: a chi hai voluto bene? – Amen