«Amate i vostri nemici».

Martedì XI Settimana del Tempo Ordinario

«Amate i vostri nemici».

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 5,43-48)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo” e odierai il tuo nemico. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti.
Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani?
Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste».

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

L’amore al nemico penso che sia il massimo dell’amare Dio con quella conoscenza che ha Dio di quella persona. Anche se è nemico tu soffri, non tanto perché lui non ama te, ma perché lui non è quello che dovrebbe essere. Questa via dell’amore che ama per primo senza attendere nulla apre a tutta la sapienza di Dio, alla preghiera, all’incontro, alla gioia, all’amore. E’ la grande via.
La gioia è l’effetto dell’amore che ama per primo, che ama senza chiedere risposta, che ama perché è amore,che ama anche di amore inutile.
Una bellezza  splendida che si riflette anche sul volto e su tutto il modo di essere, perciò ama senza fine, ama perché sei amore! – Amen