«Voi siete la luce del mondo».

Martedì X Settimana del Tempo Ordinario

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 5,13-16)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Voi siete il sale della terra; ma se il sale perde il sapore, con che cosa lo si renderà salato? A null’altro serve che ad essere gettato via e calpestato dalla gente. Voi siete la luce del mondo; non può restare nascosta una città che sta sopra un monte, né si accende una lampada per metterla sotto il moggio, ma sul candelabro, e così fa luce a tutti quelli che sono nella casa. Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al Padre vostro che è nei cieli».

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Noi abbiamo riconosciuto che il Signore è la luce del mondo. Vogliamo allora che lui, che è la luce, compenetri tutta la nostra esistenza, perché egli splenda e la speranza delle genti non venga delusa: i figli di Dio oppressi attendono, il mondo attende la rivelazione dei figli di Dio.
Vivere in Gesù significa che pur vivendo nella mia identità, nella mia originalità, vivo la mia vita immersa in Gesù: non voglio ragionare alla moda degli uomini ma secondo Dio, voglio abbandonarmi alla Provvidenza di Dio, Voglio essere sale della terra e luce del mondo, voglio vivere secondo la giustizia di Dio e non quella degli uomini.
Chiediti in ogni momento: che cosa farebbe Gesù al mio posto ora? E vivrai ed espanderai la luce che viene dalla vita! Prova oggi! – Amen