«Lo Spirito della verità vi guiderà a tutta la verità».

 Mercoledì VI Settimana di Pasqua

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 16,12-15)

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:
«Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso.
Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future.
Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Cristo dice che lo Spirito Santo farà ricomprendere tutta la realtà perché lo Spirito Santo proietta la sua luce d’amore su di lui, Gesù. Cosa vuol dire? Se io tolgo la luce che illumina un oggetto, non lo vedo. Io so che c’è Dio, ma non posso sapere chi è se mi manca la luce dello Spirito Santo che illumina su Dio.
Dio si rivela a me perché mi rende visibile lo Spirito Santo; lo rende possibile a me e come comprendo io lo Spirito è evidente che non lo comprendi tu, ma come lo comprendi tu non lo comprendo io. Ciò vale per ciascuno di noi, perché ad ognuno viene dato lo stesso Spirito e la comprensione di lui, però questa comprensione è secondo la mia persona, secondo la mia caratteristica. E’ evidente che come può avere l’approccio a Dio uno che è introverso, non l’ha chi è estroverso, anche se la «sostanza» è identica. Perché, appunto, lo Spirito getta luce su Dio e questa luce è rapportata alla mia persona, che poi ha conoscenza profonda di Dio.
Lo Spirito conduce alla verità tutta intera e l’ascolto dello Spirito è una meraviglia. Più noi cammineremo per questa via, più capiremo che la vita interiore è un mondo infinito che dobbiamo sviluppare. – Amen