Otto giorni dopo venne Gesù.

II Domenica di Pasqua o della Divina Misericordia 

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 20,19-31)

La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore.
Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati».
Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo».
Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».
Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

E’ il giorno dopo il sabato, il giorno della resurrezione. Gesù entra nella sala a porte chiuse: il suo corpo ha qualità spirituali. Gesù risorto dà il mandato di andare per conto suo: come Gesù è stato mandato dal Padre, così egli manda gli apostoli. Poi conferisce lo Spirito Santo. Gesù risorto è un fatto unico nella storia. Questa risurrezione influirà su tutta la storia. Tommaso lo intuisce, però rifiuta di crederlo: è una notizia da sogno, egli sembra irreale, impossibile. Gesù ritorna nella casa dove erano di nuovo riuniti gli apostoli: questa volta c’era anche Tommaso. Egli cade in ginocchio e grida: «Tu sei il mio Dio», cioè: «Tu adesso sei diventato l’arbitro della mia esistenza, in te io raggiungo tutte le aspirazioni che avevo! Avevo bisogno di questa certezza, adesso io sono pronto, o mio Dio!».
Tommaso l’incredulo, dà la più grande testimonianza della identità di Gesù: è Signore e Dio.
Grazie Tommaso! – Amen