«La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai».

Venerdì III Settimana del Tempo Ordinario

Dal Vangelo secondo Luca (Lc 10,1-9)

In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi. Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada. In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra. Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”».

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

I missionari sono innamorati di Gesù. E’ Gesù che invia coloro che egli sente che lo amano o lo ameranno sufficientemente. E’ un amore che contagia coloro ai quali viene annunciato Gesù. I missionari, ma anche noi nelle nostre Comunità, incontriamo tantissime persone che non conoscono Gesù. Queste persone, in fondo al cuore bramano di conoscere Gesù.
Purtroppo il mondo è organizzato in modo estraneo alla nuova umanità, alla nuova creazione che Gesù è venuto ad inaugurare con la sua morte e resurrezione. Il mondo è sotto il dominio del maligno e come si potrà rovesciare questa terribile situazione?  Come rovesciare i signori della guerra e sostituirli con uomini di pace? Come sostituire i vili che uccidono in Italia 180 mila bambini nel grembo della madre? Come liberare 100 mila donne sfruttate e schiave del sesso?
Ecco cosa significa: «Vi mando come agnello in mezzo ai lupi». Scegli e schierati, l’amore di Gesù salva! – Amen