«Chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre».

Martedì III Settimana del Tempo Ordinario

Dal Vangelo secondo Marco (Mc 3,31-35)

In quel tempo, giunsero la madre di Gesù e i suoi fratelli e, stando fuori, mandarono a chiamarlo.
Attorno a lui era seduta una folla, e gli dissero: «Ecco, tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle stanno fuori e ti cercano».
Ma egli rispose loro: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?». Girando lo sguardo su quelli che erano seduti attorno a lui, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre».

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

«Chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre». L’importante non è fare una cosa o un’altra, l’importante è fare la volontà di Dio perché è entrare nel progetto di un amore infinito. Non temete: Dio è più grande delle nostre piccole cose! Che bello quando c’è la certezza che il Signore ci porta, ci guida. Il progetto del Padre non si riduce ad un progetto solo per la terra, ma è un progetto universale di salvezza per tutti gli uomini e per le creature. Noi attuiamo questo progetto universale di salvezza in noi stessi quando aderiamo totalmente a Dio.
Quando sono fuori da lui, sono fuori da me stesso e fuori dagli altri. Quando sono in Dio sono pienamente me stesso, sono pienamente quello che lui ha pensato per me e come mi vuole, e lui vuole la pienezza del mio bene. –
Amen