«Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente». 

 Venerdì III Settimana del Tempo di Avvento

 Dal Vangelo secondo Luca 1,46-55

In quel tempo, Maria disse: «L’anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore, perché ha guardato l’umiltà della sua serva. D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata. Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente e Santo è il suo nome; di generazione in generazione la sua misericordia per quelli che lo temono. Ha spiegato la potenza del suo braccio, ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore; ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili; ha ricolmato di beni gli affamati, ha rimandato i ricchi a mani vuote. Ha soccorso Israele, suo servo, ricordandosi della sua misericordia, come aveva detto ai nostri padri, per Abramo e la sua discendenza, per sempre».

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Maria è la primizia di tutte le creature, esulta, cantando: «L’anima mia vede la grandezza del mio Dio, e scoppia di gioia sentendomi nel Signore. Egli è il mio Signore, Ha visto, sentito il nulla della mia vita, e per questo mi ha scelta. Per questo tutte le genti mi chiameranno beata. Io mi sento nel cuore il mio Dio».
«Santo è il suo nome». Il Signore è Santo, libero da ogni limite.
«Di generazione in generazione la sua misericordia per quelli che lo temono…», non perché hanno paura, che dia loro le botte , ma perché lo scoprono così prezioso che hanno timore i perderlo.
«Ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili». Maria appartiene veramente ai poveri di Dio. Come i poveri di quel tempo capirono che la salvezza non poteva venire dagli eserciti, dalla potenza, dalla sapienza, dall’intelligenza, ma solo da Dio. Tutto il canto di Maria è amore e giustizia di Dio.
Questa storia che sconvolge le situazioni umane, è condotta da Dio senza interruzione, con il criterio dell’amore misericordioso a esaltazione degli umili e dei poveri. Facciamoci guidare da Maria per entrare nella bellezza del suo «Magnificat», così anche la nostra vita potrà essere un rendimento di grazia che fino alla fine dei nostri giorni magnifica il Signore. – Amen