«Il regno dei cieli subisce violenza e i violenti se ne impadroniscono».

Giovedì II Settimana di Avvento

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 11, 11-15)

In quel tempo, Gesù disse alle folle:
«In verità io vi dico: fra i nati da donna non è sorto alcuno più grande di Giovanni il Battista; ma il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui.
Dai giorni di Giovanni il Battista fino ad ora, il regno dei cieli subisce violenza e i violenti se ne impadroniscono.
Tutti i Profeti e la Legge infatti hanno profetato fino a Giovanni. E, se volete comprendere, è lui quell’Elìa che deve venire.
Chi ha orecchi, ascolti!».

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

«Il regno dei cieli subisce violenza e i violenti se ne impadroniscono» vuol dire questo: solo se tu ami e affronti la croce,  se invece non ami non sei capace di affrontare la croce e quindi ti seppellisci dentro te stesso.
Noi dobbiamo essere precisi con noi stessi e sapere che, per vivere la conformità a Gesù, io devo prendermi con violenza, con decisione, e per l’amore che porto a Gesù accettare la croce.
Prendiamo in maniera gagliarda la nostra vita in mano, guardiamo fisso chi è colui che ci chiama e vediamo a che punto noi siamo nella scelta di amarlo. Si tratta di scegliere, di volere e di organizzarsi. – Amen