«Chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio».

Giovedì I Settimana del Tempo di Avvento

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 7, 21.24-27)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Non chiunque mi dice: “Signore, Signore”, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli.
Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio, che ha costruito la sua casa sulla roccia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ma essa non cadde, perché era fondata sulla roccia.
Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, sarà simile a un uomo stolto, che ha costruito la sua casa sulla sabbia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde e la sua rovina fu grande».

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Fare la volontà di Dio è compiere ciò che corrisponde alla sua intenzione, al suo progetto, a ciò che è bene. Le intenzioni di Dio ci sono manifestate da Gesù, il Figlio unigenito del Padre. La volontà dell’uomo è spinta al male. In Gesù però l’uomo ha in se un principio attivo nuovo: la partecipazione alla vita divina. In concreto per poter compiere la volontà di Dio devi passare parola con lui, andando a parere da lui in tutte le situazioni della vita, facendoti confermare nel Signore le tue scelte.
Allora ciò che sei grida molto più forte di ciò che dici. Che posto occupa il Signore nella tua vita? Prova oggi a chiederti se ciò che scegli è secondo la volontà di Dio e sarai pieno di gioia. – Amen