«..ecco, il regno di Dio è in mezzo a voi!».

Giovedì XXXII Settimana del Tempo Ordinario

Dal Vangelo secondo Luca (Lc 17, 20-25)

In quel tempo, i farisei domandarono a Gesù: «Quando verrà il regno di Dio?». Egli rispose loro: «Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione, e nessuno dirà: “Eccolo qui”, oppure: “Eccolo là”. Perché, ecco, il regno di Dio è in mezzo a voi!».
Disse poi ai discepoli: «Verranno giorni in cui desidererete vedere anche uno solo dei giorni del Figlio dell’uomo, ma non lo vedrete. Vi diranno: “Eccolo là”, oppure: “Eccolo qui”; non andateci, non seguiteli. Perché come la folgore, guizzando, brilla da un capo all’altro del cielo, così sarà il Figlio dell’uomo nel suo giorno. Ma prima è necessario che egli soffra molto e venga rifiutato da questa generazione».

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Quando verrà il regno di Dio? Dio regna in mezzo a noi, quando cioè il Signore è accolto in noi come l’unico che dà origine ad ogni altro rapporto e senza di lui non è possibile stabilire rapporti validi. Quindi il Regno di Dio è Dio che è in mezzo a noi e che ci indica il cammino, e noi lo percorriamo; ci indica la vita e ce la dà, e noi la accogliamo; ci apre alla verità e noi ci lasciamo vincere dalla verità. E’ lasciar venire il buon Dio dentro di noi.
Come dice San Paolo, il Regno di Dio sarà dentro di noi definitivamente e totalmente quando lo vedremo faccia a faccia così come egli è, e lo vedremo così come egli vede noi, quando cioè Dio sarà tutto in tutti. E questo avverrà soltanto quando avremo chiusi gli occhi a questa terra. Ma niente ci viene regalato.
Il mio rapporto con Dio in realtà lo costruisco su questa terra, e rimane eterno quel tipo di rapporto che ho, quando io chiudo gli occhi a questa terra.  
Quanto è grande e seria la vita umana; non è un giocherellare. Il mio, il nostro futuro è oggi, di qui l’enorme responsabilità dell’uomo. – Amen.