«A che cosa posso paragonare il regno di Dio…? È simile a un granello di senape».

Martedì XXX Settimana del Tempo Ordinario

Dal Vangelo secondo Luca (13,18-21)

In quel tempo, diceva Gesù: «A che cosa è simile il regno di Dio, e a che cosa lo posso paragonare? È simile a un granello di senape, che un uomo prese e gettò nel suo giardino; crebbe, divenne un albero e gli uccelli del cielo vennero a fare il nido fra i suoi rami».
E disse ancora: «A che cosa posso paragonare il regno di Dio? È simile al lievito, che una donna prese e mescolò in tre misure di farina, finché non fu tutta lievitata».

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
Il granello di senapa è piccolissimo, eppure con il tempo diverrà un grande arbusto. Anche il lievito è ben poco cosa se paragonato alla grande massa di farina. Eppure ha tanta potenza in sé da fermentare ben tre misure di farina.
Se non crediamo in questa verità, rendiamo vano il nostro cammino di fede, inutile è la nostra presenza nella Comunità. Un discepolo di Gesù ha tanta potenza di Spirito Santo nel cuore da fermentare di verità evangelica il mondo intero. Dico uno solo , non due, non tre, non mille persone. Uno solo può essere luce per tutta l’umanità. Deve però comprendere che la trasformazione o la crescita non si compie in un attimo. Occorrono giorni, mesi, anni prima che l’albero diventi maestoso, prima che il mondo si illumini di una luce nuova.
Senza una fede forte in questa verità, ci si stanca, si abbandona, ci si vede perduti, si considera vano il cammino nella Comunità, si considera vano il carisma missionario che ci è stato donato nel battesimo e rinnovato nel giorno dell’effusione.
Senza una fede robusta nella Parola di Gesù, si rischia la depressione, a motivo dei frutti che non nascono all’istante; invece con una fede forte si ha anche la pazienza di attendere la maturazione dei frutti.
Coraggio! Affidiamoci a Maria la nostra Madre Celeste. Rendici Madre Santa lievito, donaci fiducia, aiutaci con la Parola di Dio quando badiamo alla quantità e ai risultati piuttosto che affidarci come un bambino nelle braccia di sua madre. Amen!