«Domando a voi: in giorno di sabato, è lecito fare del bene o fare del male?».

Lunedì XXIII Settimana del Tempo Ordinario

Vangelo secondo Luca (Lc 6, 6-11)

Un sabato Gesù entrò nella sinagoga e si mise a insegnare. C’era là un uomo che aveva la mano destra paralizzata. Gli scribi e i farisei lo osservavano per vedere se lo guariva in giorno di sabato, per trovare di che accusarlo.
Ma Gesù conosceva i loro pensieri e disse all’uomo che aveva la mano paralizzata: «Àlzati e mettiti qui in mezzo!». Si alzò e si mise in mezzo.
Poi Gesù disse loro: «Domando a voi: in giorno di sabato, è lecito fare del bene o fare del male, salvare una vita o sopprimerla?». E guardandoli tutti intorno, disse all’uomo: «Tendi la tua mano!». Egli lo fece e la sua mano fu guarita.
Ma essi, fuori di sé dalla collera, si misero a discutere tra loro su quello che avrebbero potuto fare a Gesù.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
E’ sabato e non si possono fare lavori per non disturbare la festa. Uno tra tanti precetti dei farisei… Ma c’è un uomo che ha bisogno dell’aiuto, ha bisogno del miracolo. Si può fare del bene di sabato? E’ questo che disturba la festa?
O piuttosto l’indifferenza… Gesù non ha nessun dubbio. Anche se sa che è osservato dai farisei e il gesto che sta per compiere potrà risultare fatale. “Stendi la mano – egli lo fece ed era guarito”.
Il sabato, secondo la concezione nuova di Gesù, va dedicato a fare il bene. Un’osservanza ritualistica ed esteriore non lo aveva compreso. Questo, che cosa significa oggi per noi? Forse che dopo la messa di domenica possiamo ritornare a casa, chiudere la porta e non sapere più di tutto quanto ci circonda? O forse accendere la TV e dimenticare dei figli che stanno nell’altra camera o della madre anziana che, con ansia, magari da mesi, aspetta di vedere i suoi nipotini…? C’è un’altra possibilità, l’ultima. Forse che il giorno del Signore non va dedicato alla carità fraterna in modo tutto particolare? “Sono sicuro che l’hai capito, disse il maestro al discepolo. Fai questo è vivrai…”.