«Se il tuo fratello commetterà una colpa contro di te, va’ e ammoniscilo fra te e lui solo».

Mercoledì XIX Settimana del Tempo Ordinario

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 18, 15-20)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Se il tuo fratello commetterà una colpa contro di te, va’ e ammoniscilo fra te e lui solo; se ti ascolterà, avrai guadagnato il tuo fratello; se non ascolterà, prendi ancora con te una o due persone, perché ogni cosa sia risolta sulla parola di due o tre testimoni. Se poi non ascolterà costoro, dillo alla comunità; e se non ascolterà neanche la comunità, sia per te come il pagano e il pubblicano.
In verità io vi dico: tutto quello che legherete sulla terra sarà legato in cielo, e tutto quello che scioglierete sulla terra sarà sciolto in cielo.
In verità io vi dico ancora: se due di voi sulla terra si metteranno d’accordo per chiedere qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli gliela concederà. Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro».

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
La correzione fraterna è uno dei doni più belli dell’amore di Dio, diffuso nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo (Rm.5,5). La correzione va fatta al fratello che riteniamo in errore. Parlare male o fare critiche a un fratello che è assente non è correzione fraterna ma è rovina del fratello.
Spesso si dà la condanna nel proprio cuore all’altro senza avere dato la possibilità all’imputato di difendersi; si giudica (cioè ci si separa, è come affermare: «Io non ho più niente a che fare con te») senza che il condannato conosca neppure la sentenza.
Correggere è il vero senso del perdono vedo il tuo limite e te lo dico amandoti.
Avendo visto che tu hai questo difetto, questo peccato, te lo vengo a dire e poi ti dico: «Ecco la mia spalla», perché correggere vuol dire mettere la propria spalla sotto il problema dell’altro, il quale è debole e se non c’è la tua spalla crolla, perché lo devi cum-regere, reggere con lui. Allora l’altro guarirà, non perché glielo hai detto, ma perché mentre parlavi ha sentito il tuo amore ed è venuta nostalgia anche a lui di amare.