Parola del giorno: «Pochi sono quelli che la trovano!».

Martedì XII Settimana del Tempo Ordinario

Dal vangelo secondo Matteo (Mt.7,6.12-14)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Non date le cose sante ai cani e non gettate le vostre perle davanti ai porci, perché non le calpestino con le loro zampe e poi si voltino per sbranarvi.  Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro: questa infatti è la Legge e i Profeti. Entrate per la porta stretta, perché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono quelli che vi entrano. Quanto stretta è la porta e angusta la via che conduce alla vita, e pochi sono quelli che la trovano!».

Commento di Suor Doriana
La parola di Gesù oggi è un richiamo a saper valutare le relazioni in base all’apertura spirituale di ogni persona. Alcune relazioni se non sono aperte ad accogliere la novità del Vangelo e della grazia, il cui segno è dato dalla conversione, è meglio non sprecare le realtà divine perché non sarebbero in grado di comprenderne il valore immenso. Il fare agli altri quello che si vorrebbe fatto a se stesso tocca il dovere di ciascuno di amare il prossimo. Ma l’ultima parte del brano è la più esigente. Non c’è cammino spirituale cristiano se passando attraverso il Mistero pasquale di Cristo Gesù. Passare per la via stretta è passare per la Croce. Fino a quando, per dono dello Spirito, non si comprenderà e accoglierà ciò, saremo lontani dall’essere discepoli di Gesù. E sono pochi quelli che si rendono conto della preziosità della via percorsa da Cristo, di Cristo che è la via.