Parola del giorno: « non vi parlerò più in modo velato».

Sabato – VI settimana di Pasqua

Dal Vangelo di Giovanni  (Gv 16, 23-28)

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:
«In verità, in verità io vi dico: se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà. Finora non avete chiesto nulla nel mio nome. Chiedete e otterrete, perché la vostra gioia sia piena.
Queste cose ve le ho dette in modo velato, ma viene l’ora in cui non vi parlerò più in modo velato e apertamente vi parlerò del Padre. In quel giorno chiederete nel mio nome e non vi dico che pregherò il Padre per voi: il Padre stesso infatti vi ama, perché voi avete amato me e avete creduto che io sono uscito da Dio.
Sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo; ora lascio di nuovo il mondo e vado al Padre».

Commento di Suor Doriana
Gesù ci invita più volte a chiedere nel suo Nome. È un modo concreto per dirci di chiedere ogni cosa al Padre nella sua Persona. Per Cristo, con Cristo, in Cristo ci insegna la liturgia della Chiesa. Chi ama Cristo Gesù è amato dal Padre, perché Cristo Gesù è il dono del Padre al mondo, all’umanità. Cristo Gesù è il Figlio amato, se noi lo amiamo vuol dire che amiamo il Padre che ce lo ha donato. Ecco perché in lui il Padre ci dona ogni cosa perché nel Figlio ci ha già dato tutto.