Parola del giorno: «Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso».

Lunedì  II° settimana di Quaresima

Dal Vangelo secondo Luca  (Lc 6, 36-38)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso.
Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e sarete perdonati.
Date e vi sarà dato: una misura buona, pigiata, colma e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con la quale misurate, sarà misurato a voi in cambio».

Commento di Suor Doriana
Gesù in questo breve brano, che ci accompagnera’ durante il giorno, ci educa a comprendere cosa significhi essere misericordiosi come il Padre. Ci sono dei verbi che ci vengono consegnati come imperativi al negativo: non  giudicare e non condannare. Poi in positivo altri due verbi: perdonare e dare. Ciò che fa la differenza è l’ultimo: come misuriamo saremo misurati. È un brano che ci insegna ad essere figli perfetti del Padre, noi non possiamo permetterci di giudicare né di condannare perché solo Dio conosce le profondità del cuore umano, neanche Gesù come uomo lo fa ma rimette il giudizio al Padre. Noi però possiamo perdonare e donare. E da come siamo capaci di vivere queste due dimensioni abbiamo il termometro della nostra vita spirituale. Se siamo ancora del mondo o siamo e viviamo da figli. Non possiamo barare né va di mezzo la verità del nostro essere da cui dipenderà il giudizio su di noi.