Parola del giorno: “Ciò che esce dall’uomo è quello che rende impuro l’uomo”

Mercoledì – 5a settimana del Tempo Ordinario

Gesù oggi ci introduce, con il suo insegnamento, a liberarci da tutte quelle sovrastrutture che impediscono un autentico cammino spirituale e carismatico. È un cammino di guarigione e liberazione interiore che possiamo ricevere da Gesù per poi donare agli altri.

Dal Vangelo secondo Marco  (Mc 7, 14-23)  

In quel tempo, Gesù, chiamata di nuovo la folla, diceva loro: «Ascoltatemi tutti e comprendete bene! Non c’è nulla fuori dell’uomo che, entrando in lui, possa renderlo impuro. Ma sono le cose che escono dall’uomo a renderlo impuro».
Quando entrò in una casa, lontano dalla folla, i suoi discepoli lo interrogavano sulla parabola. E disse loro: «Così neanche voi siete capaci di comprendere? Non capite che tutto ciò che entra nell’uomo dal di fuori non può renderlo impuro, perché non gli entra nel cuore ma nel ventre e va nella fogna?». Così rendeva puri tutti gli alimenti.
E diceva: «Ciò che esce dall’uomo è quello che rende impuro l’uomo. Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono i propositi di male: impurità, furti, omicidi, adultèri, avidità, malvagità, inganno, dissolutezza, invidia, calunnia, superbia, stoltezza. Tutte queste cose cattive vengono fuori dall’interno e rendono impuro l’uomo».  

Commento di Suor Doriana