Parola del giorno: «Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po’».

Sabato –  4°  settimana del Tempo Ordinario

Tenere fisso lo sguardo su Gesù ci aiuta a sperimentare la preziosità dei suoi atteggiamenti. La tenerezza di Gesù e la sua capacità di prendersi cura di coloro che ha chiamato a sé e inviato, il suo preoccuparsi di loro desideroso di farli riposare ci dicono la bontà e l’amore di Gesù verso coloro che gli appartengono in modo speciale. Nello stesso tempo il suo è un cuore grande, vasto e aperto agli orizzonti smisurati delle necessità delle persone. Questo brano ci rassicura perché egli si prende cura di noi, saliamo anche noi in quella barca che è la Chiesa, dove sempre troveremo Gesù e tutto ciò che ci serve per rinfrancarci e riposarci. Per ripartire in modo sempre nuovo verso ogni cuore umano.

Dal Vangelo secondo Marco  (Mc 6, 30-34)

In quel tempo, gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e quello che avevano insegnato. Ed egli disse loro: «Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po’». Erano infatti molti quelli che andavano e venivano e non avevano neanche il tempo di mangiare.
Allora andarono con la barca verso un luogo deserto, in disparte. Molti però li videro partire e capirono, e da tutte le città accorsero là a piedi e li precedettero.
Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose.

Commento di Suor Doriana