Parola del giorno: “Allora i suoi… dicevano infatti: «È fuori di sé”

Anno I

COMUNITA’ LA NUOVA GERUSALEMME
“AUGURI   BUON COMPLEANNO”

Sabato – 2a settimana del Tempo Ordinario

Uno strano epilogo il brano di Vangelo di oggi? Una settimana intensa in cui i contrasti che Gesù deve affrontare sono tanti, situazioni in cui chiaramente è emerso il rifiuto e la durezza dei capi e delle guide religiose. L’unica soluzione è l’accusa mai diretta ma quella insinuata, fatta di mormorazione, di critica, di giudizio, di diffamazione e calunnia. Non è possibile porsi di fronte alla verità per chi ha posizioni non chiare da difendere ma solo con la pugnalata alle spalle spesso, apparentemente fatto in modo indolore. È questo è quanto avviene nei confronti di Gesù: è fuori di sé! In questo giudizio possiamo comprendere dove possono arrivare le mormorazioni e le critiche. Eppure c’è la testimonianza di una folla che ha visto dei segni, ha ascoltato parole capaci di dare fiducia e speranza. Ciò non basta a chi ha il cuore indurito. Dove ci troviamo noi? Il Vangelo non lascia mai indifferenti ma sempre chiarisce la nostra posizione.

Dal Vangelo secondo Marco  (Mc 3, 20-21)  

In quel tempo, Gesù entrò in una casa e di nuovo si radunò una folla, tanto che non potevano neppure mangiare.
Allora i suoi, sentito questo, uscirono per andare a prenderlo; dicevano infatti: «È fuori di sé».

Commento di Suor Doriana