Parola del giorno: “Elisabetta fu colmata di Spirito Santo”

Mercoledì – Feria di Avvento

Protagonista assoluto, anche se invisibile, è oggi lo Spirito Santo. È lo Spirito che rende straordinaria la vicenda di un incontro ordinario tra due donne gravide di vita. L’azione e la presenza dello Spirito si comunica mediante il saluto. Per ben tre volte nel brano ritorna prolungando l’evento di salvezza iniziato con il saluto dell’angelo a Maria. Il messaggio di oggi per noi è che la qualità di ogni nostro incontro dipendente da ciò che comunichiamo, e comunichiamo solo di ciò di cui siamo ricolmi.

Dal Vangelo secondo Luca   (Lc 1,39-45)

In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo.  Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei  che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».

Suor Doriana